Infezioni delle vie urinarie: terapia, prevenzione e consigli del farmacista

Dr. Alessandro Melis

Dr. Alessandro Melis

Farmacista at Farmacia Costa snc
Nato a Carbonia il 23 agosto 1985 e laureato presso la Facoltà di Farmacia dell'Università di Cagliari il 27 Aprile 2011. Iscritto all'ordine dei farmacisti di Cagliari da Luglio 2011.
Dopo aver lavorato presso altre farmacie, dal 12 Marzo 2012 farmacista presso la Farmacia Costa di Carbonia. Attualmente responsabile del sito e-commerce della farmacia www.farmaciadifiducia.com
Dr. Alessandro Melis

infezioni delle vie urinarie: consigli

 

Nel precedente articolo abbiamo parlato delle infezioni delle vie urinarie (IVU) descrivendone le caratteristiche, la loro incidenza a seconda dell’età, la localizzazione nell’apparato urinario e i loro effetti.

Parliamo oggi della terapia, della prevenzione e dei consigli del farmacista per questa patologia.

Infezioni delle vie urinarie: terapia

La terapia d’elezione per le infezioni delle vie urinarie è su base antibiotica e ha come obiettivo l’eradicazione dell’organismo infettante, la prevenzione o il controllo della batteriemia (presenza di batteri nel sangue) e delle sue complicanze a livello di tutto l’organismo, oltre che evitare le recidive di IVU. Bisogna però ricordare che l’utilizzo di antibiotici deve essere valutato attentamente solo ed esclusivamente dal medico per evitare seri effetti collaterali oltre che lo sviluppo di antibiotico-resistenza.

Infezioni delle vie urinarie: prevenzione e consigli del farmacista

La prima regola da seguire nella prevenzione delle infezioni delle vie urinarie è adottare un comportamento salutistico e igienico.

Questa regola è importante soprattutto per le donne che hanno più di 3 episodi di IVU all’anno.

Tra le regole che vi consiglio di seguire, al primo posto vi è quella di effettuare un’accurata igiene perineale con acqua e sapone neutro, avendo cura che la detersione sia fatta con un movimento dall’avanti all’indietro (e non viceversa) in modo da evitare di trasportare batteri fecali in sede vaginale . Va evitato l’uso di detergenti intimi aggressivi, deodoranti intimi in spray o un uso eccessivo di antibatterici in forma di lavanda in quanto questo riduce l’acidità naturale della vagina che costituisce un fattore di difesa contro la proliferazione batterica.

E’ molto importante che si bevano almeno 2 litri di acqua al giorno in maniera tale da urinare frequentemente.

Un altro accorgimento importante è quello di urinare prima, ma sopratutto dopo, un rapporto sessuale.

Un consiglio sia per gli uomini che per le donne è quello di avere una dieta sana, eliminando le spezie, gli insaccati, i cibi conservati e i super alcoolici.

E’ consigliabile inoltre bere succo di mirtillo in quanto esso aiuta a combattere la piuria (presenza di materiale purulento nelle urine) e la batteriuria (presenza di batteri nelle urine).

A rivestire grande importanza nella prevenzione e nella cura delle infezioni delle vie urinarie è l’uso dei probiotici.

Tantissimi studi recenti hanno dimostrato che  i probiotici assunti per via orale , dopo aver colonizzato l’intestino, sono in grado di raggiungere vivi e vitali le vie urinarie. Alcuni ceppi di probiotici hanno inoltre la capacità di inibire la crescita di diversi batteri patogeni delle vie urinarie e di inibire la capacità di tali batteri di aderire alle cellule della mucosa vaginale.

Questo permette di utilizzare i probiotici anche in fase di profilassi a lungo termine delle infezioni delle vie urinarie, sopratutto nei pazienti che soffrono di reflusso vescico-uretrale.

Tra gli innumerevoli integratori utilizzabili dobbiamo ricordare sopratutto quelli a base di Cranberry (mirtillo rosso americano). Il Cranberry è ricco di Vitamina C  e flavonoidi e altre sostanze con proprietà antiossidanti, antinfiammatorie, antivirali e antibatteriche.  In particolare tra i flavonoidi ricordiamo le proantocianidine di tipo A, che legandosi alle fimbrie dell’Escherichia Coli, ne impediscono l’adesione alle pareti del tratto urinario e ne favoriscono quindi l’eliminazione con le urine.

Tra gli integratori che vi consiglio in termini di profilassi e terapia delle IVU ci sono quelli che contengono D- Mannosio. Esso è uno zucchero che esplica la sua azione grazie all’affinità che presenta nei confronti dei recettori dell’ E. Coli, formando un rapporto batterio/D- Mannosio più saldo rispetto a quello batterio/parete vescicale. In questo modo il batterio perde la capacità adesiva alla parete vescicale e viene trascinato ed espulso con il flusso urinario.

Consigliabili sono anche gli integratori a base di melograno per il suo contenuto ricco in sostanze fenoliche con  proprietà antiossidanti. Il melograno ha inoltre proprietà antibatteriche e incoraggianti sul mantenimento della corretta funzionalità prostatica.

Anche gli integratori a base di uva ursina hanno una notevole utilità contro le IVU. L’uva ursina é infatti un potente antisettico delle vie urinarie attivo anche in caso di cistite. I suoi principi attivi sono trasformati nell’organismo in idrochinone; quest’ultimo, grazie al suo tropismo urinario, esercita un’attività disinfettante, antinfiammatoria e diuretica a livello delle vie urinarie.

Per oggi è tutto.

Io rimango a vostra disposizione per eventuali chiarimenti e/o consigli.

Vi auguro di trascorrere una buona giornata e vi rimando al prossimo articolo.

Saluti.

Dr. Alessandro Melis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>