Cos’è il Bruxismo?

bruxismo1Il bruxismo viene definito dall’American Academy of Orofacial Pain come “un’attività ripetitiva dei muscoli o della mandibola caratterizzata dal serramento o digrignamento dei denti, e/o dal serrare o spingere la mandibola; può verificarsi durante il sonno o durante la veglia”. Quindi, il bruxismo si può manifestare come serramento dentale, cioè quando stringiamo i denti tra loro, oppure come digrignamento dentale, cioè quando strisciamo e sfreghiamo i denti tra loro.
Dai risultati di uno studio epidemiologico svolto in Sardegna e pubblicato nel 2003, circa il 27% della popolazione risultava essere consapevole di soffrire di bruxismo, ma alcuni di essi non sono consapevoli di questa parafunzione, soprattutto se si manifesta durante il sonno. Infatti, se valutiamo l’usura dei denti, la percentuale cresce fino a circa il 50%. Anche la presenza di usura dentale però non è un metodo affidabile, sia perché può essere causata anche dalla masticazione, sia perché non ci permette di distinguere tra il bruxismo presente e quello passato.

Misurare il bruxismo

polisonnografiaIl sistema più accurato per misurare il bruxismo è la polisonnografia con videoregistrazione, che misura l’attività dei muscoli masticatori e altri parametri vitali dell’organismo durante il sonno. Purtroppo, questa metodica può valutare solo il bruxismo notturno, che viene riportato in media in circa l’8-10% dei casi. Questo valore è più alto nei bambini, circa il 14%, e decresce con l’età fino all‘8% negli adulti e al 3% negli anziani sopra i 60 anni.

Ultimamente, sono stati messi in commercio alcuni dispositivi di misurazione del bruxismo che hanno il vantaggio, a differenza della polisonnografia che viene effettuata solo in ospedale o nei centri di medicina del sonno, di poter essere utilizzati a casa propria. Si tratta del Bruxoff e del GrindCare.

Bruxismo durante il sonno e bruxismo durante la veglia

Si può distinguere un bruxismo durante il sonno e un bruxismo durante la veglia, che sembrano essere due condizioni diverse anche per altre loro caratteristiche.

misurazione-bruxismoLa prima differenza riguarda i movimenti della mandibola. Infatti, durante la veglia il bruxismo si manifesta quasi sempre come serramento dentale, con la mandibola che rimane quasi ferma. Invece, durante il sonno, il bruxismo si manifesta sia come serramento dentale che come digrignamento dentale, con movimenti mandibolari laterali, in avanti e indietro.

La seconda differenza riguarda l’associazione del bruxismo con fattori psicologici, come stress, ansia, tensione emotiva, che sembrano essere associati frequentemente al bruxismo durante la veglia e più raramente al bruxismo durante il sonno.

Nei prossimi articoli analizzeremo:

Bibliografia

  • de Leeuw R, Klasser GD (eds.): The American Academy of Orofacial Pain. Orofacial pain: Guidelines for assessment, diagnosis, and management. 5th Chicago: Quintessence, 2013.
  • Melis M, Abou-Atme YS: Prevalence of bruxism awareness in a Sardinian population. J Craniomandib Pract 2003;21:144-151.
  • Seligman DA, Pullinger AG, Solberg WK: The prevalence of dental attrition and its association with factors of age, gender, occlusion, and TMJ symptomatology. J Dent Res 1988; 67:1323-1333.
  • Manfredini D, Lobezoo F: Role of psychological factors in the etiology of bruxism. J Orofac Pain 2009;2:153-166.
Marcello Melis

Marcello Melis

Il Dott. Marcello Melis nasce a Cagliari il 14 Aprile 1967.
Nel 1990 consegue la laurea in Farmacia presso l’Università degli Studi di Cagliari e nel 1998 consegue la laurea in Odontoiatria e Protesi Dentaria presso la stessa Università.
Nel 2000 consegue la fellowship in Disordini Temporomandibolari e Dolore Orofacciale presso la Tufts University di Boston negli Stati Uniti d’America.
Attualmente esercita la professione odontoiatrica in Sardegna limitatamente al trattamento dei disordini temporomandibolari e del dolore orofacciale, delle roncopatie e delle apnee notturne.
Nel 2008 e nel 2011 entra a far parte dell’Editorial Board dell’International Journal of Clinical Dentistry e del Journal of Orthodontic Science, due riviste internazionali che pubblicano articoli scientifici in materia di odontoiatria clinica e ortodonzia.
Il Dott. Melis è autore di numerose pubblicazioni scientifiche, collaborando con il Craniomandibular Pain Center della Tufts University di Boston, ed è coinvolto in diversi lavori di ricerca internazionali sui disordini temporomandibolari, il dolore orofacciale e il bruxismo.
Marcello Melis

Latest posts by Marcello Melis (see all)

5 commenti su “Cos’è il Bruxismo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>